Copy

🌰 NOVEMBRE 2021 🌰

Ciao!

Grazie per far parte di questa piccola community. Nella newsletter di questo mese parleremo di come il diritto alla casa non sia ancora garantito, in Italia e non solo. Troverai notizie, articoli interessanti, letture stimolanti e molto altro ancora.
Abbiamo anche aggiunto nuove canzoni a Note, la nostra playlist su Spotify! Clicca qui per ascoltare la musica che ci motiva a scrivere 🎵

Buona lettura!

Alessandra & Valeria
Condividi su Facebook Condividi su Facebook
Inoltra questa email Inoltra questa email

🏠 Una casa tutta per sé

Anche se non esiste ancora una legge vera e propria che stabilisca il diritto alla casa, in Italia la Corte Costituzionale ne ha riconosciuto l’esistenza in numerose sentenze. La più significativa recita: «Il diritto a un'abitazione dignitosa rientra, innegabilmente, fra i diritti fondamentali della persona» (Corte Costituzionale, sent. n. 119 del 24 marzo 1999).

La mancanza di abitazioni a prezzi accessibili sta però diventando un problema sempre più grave in tutto il mondo, Europa compresa. L'aumento dei prezzi delle case e degli affitti è stato continuo negli ultimi anni, andando a pesare sempre di più sui redditi. Il 21 gennaio 2021 il Parlamento Europeo ha adottato una risoluzione per riconoscere l’alloggio come un diritto umano fondamentale a livello legislativo.

Si stima che 700 mila persone nell’Unione Europea non abbiano una casa e siano costrette a dormire per strada o in rifugi di emergenza, il 70% in più di 10 anni fa. Una famiglia su 12 non riesce a riscaldare l’abitazione, il 15,7% della popolazione europea vive in condizioni di sovraffollamento e il 4% sperimenta una deprivazione abitativa severa (per esempio, vive in una casa con un tetto che perde o non dotata di un bagno con doccia o servizi igienici interni). Si calcola infine che 3 famiglie su 100 e 8 famiglie povere su 100 siano in ritardo con la rata del mutuo o con l’affitto. Vivere in situazione di precarietà non è solo il risultato della povertà, ma può anche essere esso stesso causa di indigenza. Vivere in condizioni adeguate è la base di una vita stabile ed equilibrata e rende possibile occuparsi della propria famiglia in un ambiente sano e sicuro

📷 Photo by Jon Tyson on Unsplash

Non si parla spesso della crisi abitativa collegandola al femminismo, eppure si tratta di una questione che ha un fortissimo impatto sulle donne e sulle persone più vulnerabili. I costi sempre più alti degli alloggi, in Italia come nel resto del mondo, insieme a stipendi mediamente più bassi, spingono le donne, soprattutto quelle marginalizzate, sempre più lontano dalla possibilità di avere una dimora stabile e un’adeguata sicurezza personale. Per questo motivo, sono molte le donne che rischiano di diventare senzatetto o vittime di violenza. Gli aggressori spesso usano l'isolamento e l'abuso economico per controllare le loro vittime, rendendo difficile trovare una sicurezza abitativa.

Statisticamente, una donna senzatetto su quattro è senza casa a causa della violenza di genere e oltre il 92% delle madri senzatetto ha subito gravi abusi fisici e/o sessuali. Le donne disabili sono ancora più soggette alla violenza domestica e hanno meno possibilità di avere accesso a rifugi o alloggi alternativi. Implementare in modo concreto e a 360 gradi il diritto a un’abitazione adeguata per tutte le donne richiede di tenere conto di tutti i livelli di discriminazione e di adottare misure concrete per affrontarli.

Come dice Mikki Kendall nel saggio Hood Feminism, anche nel caso degli alloggi l’approccio che il femminismo deve adottare è di non lasciare indietro nessuno, che si tratti di donne cis, trans, disabili, povere, sex worker o altri gruppi che subiscono discriminazioni. La condizione abitativa deve essere vista come una priorità quando si lotta per difendere i diritti delle donne e impegnarsi per creare città inclusive in cui siano garantiti alloggi adeguati e servizi di base per tutte le fasce della popolazione 
è essenziale.


La situazione abitativa non migliora parlando di migranti: si potrebbe scrivere un’intera altra newsletter sul tema dell'accoglienza in Italia e in Europa dei richiedenti asilo e delle incerte condizioni abitative dei rifugiati. AIDA (Asylum Information Database) dipinge un quadro poco felice della situazione abitativa dei richiedenti asilo in Italia: “il sovraffollamento ha reso impossibile il rispetto delle misure di isolamento e non ha consentito condizioni di alloggio dignitose. Il caso più grave è stato quello dell'hotspot di Lampedusa, che con una capienza ufficiale di 192 posti, ha ospitato in media oltre mille persone nei mesi estivi”Il rapporto La cattiva stagione di Medici per i diritti umani (MEDU) illustra le condizioni di vita e di lavoro dei braccianti in Italia e descrive gli insediamenti malsani, isolati senza alcun servizio minimo di base e con pervasivo sfruttamento dei lavoratori.

🎙️ Tra intrattenimento e denuncia sociale

In questo episodio del podcast Europa Reloaded viene affrontato il problema della crisi abitativa in Europa con un focus su Dublino e Lisbona. Intervistando persone direttamente colpite dalle difficoltà e private del diritto alla casa, si parla di turistificazione, gentrificazione e speculazione immobiliare nelle principali città europee.
Lo scorso gennaio siamo state invitate da Giusi Marchetta a partecipare ad una puntata del suo podcast Tutte le ragazze avanti. Abbiamo avuto l’occasione di porre delle domande a Deirdre Mask, autrice del libro Le vie che orientano: il saggio parla dell’importanza di avere un indirizzo, di come il luogo in cui viviamo abbia un impatto determinante sulla nostra vita e di come si tratti di una questione strettamente femminista. Cliccate qui per ascoltare l’episodio.

🌎 Notizie dall'estero

A Berlino si sta facendo la rivoluzione! Negli ultimi anni in Germania, e specialmente nella capitale, è aumentata a dismisura una bolla immobiliare che ha portato ad altissimi rincari degli affitti, rendendo la vita degli affittuari sempre più difficile. Nel 2020, 36.9 milioni di persone in Germania vivevano in affitto e a Berlino questo dato è ancora più alto (si raggiunge l’80% della popolazione). Il 26 settembre 2021, con un referendum i berlinesi hanno proposto di espropriare dieci grandi società immobiliari per fermare la speculazione. Questi grandi proprietari sono infatti accusati di essere responsabili di un aumento degli affitti incontrollato che spinge le famiglie a basso reddito, gli studenti e le persone immigrate a vivere in quartieri sempre più periferici e mal collegati, letteralmente ai margini della società.
Anche negli Stati Uniti la crisi abitativa si sta ulteriormente aggravando, soprattutto dall'inizio della pandemia. Il progetto COVID-19 Eviction-Defense ha stimato che almeno un quarto degli affittuari statunitensi (23 milioni di persone) potrebbe essere sfrattato. Il National Women's Law Project ha rilevato che le donne nere hanno avuto il doppio delle probabilità di rimanere indietro con l'affitto rispetto agli affittuari bianchi durante la pandemia, mettendole a maggior rischio di diventare senzatetto. A New Orleans in particolare, le donne nere sono state a lungo colpite dagli sfratti: il 57% di tutti coloro che sono stati sfrattati prima della pandemia erano donne nere. Questo documentario di Kathleen Flynn su Time documenta la vita di due donne a New Orleans ed evidenzia la loro dura realtà, nella lotta per mantenere un posto sicuro in cui vivere. In Luisiana, la situazione abitativa era precipitata dopo l'uragano Katrina, catastrofe da cui le donne e le famiglie nere avevano avuto grandi difficoltà a riprendersi. Nel 2021, molti stanno rivivendo il trauma del dissesto abitativo, questa volta con il rischio aggiunto di una pandemia.
 

📆 Save the date!  

  • 2 Novembre: Giornata Mondiale per porre Fine all’Impunità per i Crimini contro i Giornalisti
  • 6 Novembre: Giornata Internazionale per la Prevenzione dello Sfruttamento dell’Ambiente in Tempo di Guerra e di Conflitti Armati 
  • 10 Novembre: Giornata della Scienza per la Pace e lo Sviluppo
  • 13 novembre: Giornata Mondiale della Gentilezza
  • 17 novembre: Giornata Internazionale degli Studenti
  • 17 novembre: Giornata Mondiale dei Nati Prematuri
  • 19 Novembre Giornata Internazionale dell’Uomo
  • 20 novembre: Giornata Internazionale della Memoria Transgender
  • 25 Novembre: Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne 
  • 29 Novembre: Giornata di Solidarietà con il Popolo Palestinese 
  • 30 Novembre: Giornata della Memoria delle Vittime della Guerra Chimica

💡 Questo mese consigliamo anche... 

... Un meme per tirarci su il morale. Chi ha bisogno della pozione e di un po' di self love questo mese?
Ci piacerebbe poter incontrare tuttə voi che avete letto fin qui e ringraziarvi di persona, magari davanti a un caffè. Se la nostra newsletter vi è piaciuta e vorreste offrircelo voi, potete farlo in modo virtualegrazie in anticipo per ciò che ci permetterete di costruire!
Appunti è un progetto nato e curato da Alessandra Tosi e Valeria Rapa, compagne di università diventate amiche scambiandosi proprio degli appunti: ciò che mancava ad una lo aveva l’altra, rimanendo sempre sulla stessa linea d’onda. Dalle lezioni ai temi sociali e culturali il passo è stato breve: anche se a distanza, Alessandra e Valeria non perdono mai occasione di scambiarsi idee, consigli e opinioni sul mondo che le circonda.
ALESSANDRA TOSI
Nata e cresciuta nella nebbiosa provincia di Asti, scopre un mondo nuovo grazie alla laurea in Lingue e all'Erasmus in Inghilterra. Si trasferisce a Berlino e frequenta l'università Humboldt, ma non dimentica l'Italia, in cui torna ogni due mesi. Scrive la propria tesi magistrale sui richiedenti asilo e il sistema di accoglienza in Europa. Sogna di cambiare il mondo, ma ha sempre sonno.

VALERIA RAPA
Nasce a Torino nel 1995, con due mesi d'anticipo. Si laurea in Lingue e comincia subito a lavorare in un contesto internazionale, grazie a cui ogni giorno si relaziona con persone di tutto il mondo. Viaggia molto, legge di continuo ed è sempre alla ricerca di notizie e curiosità. Femminista e attenta all'ambiente, va al cinema più che può e canta in un gruppo rock.
Instagram Instagram
Email Email
Copyright © 2021 Appunti Newsletter, All rights reserved.

Vuoi iscriverti ad Appunti Newsletter? Clicca qui.
Puoi vedere le newsletter passate qui.



Want to change how you receive these emails?
You can update your preferences or unsubscribe from this list.






This email was sent to <<Email Address>>
why did I get this?    unsubscribe from this list    update subscription preferences
Appunti Newsletter · Franz-Mehring-Platz · 2 · Berlin 10243 · Germany

Email Marketing Powered by Mailchimp