Copy
Leggi la newsletter di giugno 2015 - Recupero dell'invenduto, cannabis terapeutica!


La legislatura è salva


Il 9 luglio il TAR si è espresso su un’ulteriore parte del ricorso sulle c.d. firme false. Il ricorso, di cui senz’altro avrete sentito parlare, contestava la regolarità di molte delle firme raccolte, necessarie per presentare alcune delle liste a sostegno di Chiamparino. Questi casi, secondo i ricorrenti, erano così numerosi che il numero delle firme valide residue non sarebbe stato sufficiente per presentare le liste.
Il TAR ha respinto il ricorso per quello che riguarda la lista Monviso del collegio di Torino, la lista P.D. del collegio di Cuneo e il listino, cioè la lista regionale con cui viene eletto il presidente e il premio di maggioranza. In questi casi, i giudici hanno valutato che in realtà, al netto delle firme contestate correttamente (e non contando quelle contestate a casaccio), rimaneva un numero di firme valide sufficiente a presentare le liste.
Il TAR ha altresì valutato che per quello che riguarda la lista P.D. del collegio di Torino, a seconda di come verranno valutate alcune irregolarità, non è escluso che il numero risultante sia inferiore al numero di firme necessario a presentare la lista: in questo caso la lista decadrebbe.
Cosa capita quindi ora?
1) Chiamparino è regolarmente eletto e ha annunciato che pertanto non si dimetterà (come aveva detto se il procedimento su di sé o sulla maggioranza fosse andato per le lunghe);
2) Il TAR ha assegnato ai ricorrenti il termine per presentare la querela di falso rispetto alla lista di Torino: spetta infatti ad altro giudice accertare nel dettaglio quali firme siano valide e quali no; i numeri sono molto piccoli e quindi siamo molto ottimisti;
3) anche nel caso la lista del PD di Torino dovesse decadere, Chiamparino conserverebbe la maggioranza necessaria a governare in Consiglio.
Resta aperto, ed è in discussione in questi giorni, come il PD si attrezzerà per evitare il ripetersi di questi scivoloni, aprendo a una nuova fase politica di condivisione delle responsabilità con le minoranze.
Abbiamo messo un punto importante, d’ora in avanti lavoriamo sapendo di avere quattro anni davanti!

Piccole news di sanità

E’ tornato di moda il refrain sul Martini che chiude. Ho preferito portare Saitta davanti al personale dell’ospedale per fare chiarezza: l’ospedale non chiude e si sta lavorando pancia a terra per evitare il declassamento.
A Lanzo intanto apre il nuovo reparto di Continuità Assistenziale a Valenza Sanitaria, con l’arrivo di nuovo personale. Insieme alla prossima risoluzione del contenzioso con l’Ordine Mauriziano (proprietario dei muri dell’ospedale), un passo importante per il futuro di questa struttura.
Segnalo infine il mio intervento di sollecito (con un question time) sul tema del contributo all'acquisto di parrucche per le donne in chemioterapia, ancora inevaso da parte della Regione
 

Cinema d'Estate

Dal 25 luglio al 29 agosto, in Piazza don Franco Delpiano (area ex Materferro, tra i corsi Rosselli, Lione e Mediterraneo), nell'arena retrostante il Carrefour market, ogni sabato sera alle ore 21.30, la Circoscrizione 3 ha organizzato proiezioni di film dell'ultima stagione cinematografica. INGRESSO LIBERO E GRATUITO, ecco il programma!
Puoi seguirmi su www.danielevalle.it e su Twitter e Facebook      Scrivimi a:  d.valle@fastwebnet.it  

unsubscribe from this list    update subscription preferences 

Email Marketing Powered by Mailchimp