Copy
Leggi la newsletter di giugno 2016!


Un defibrillatore può salvarti la vita


Finalmente, anche in Italia e di conseguenza in Piemonte, sta iniziando a diffondersi una buona consapevolezza circa l’importanza di strumenti come i defibrillatori e di tutte le relative tecniche salvavita. Si stima infatti che ogni anno circa 60 mila persone perdano la vita per arresto cardio-circolatorio. Il 70% di questi arresti avviene in presenza di testimoni, ma solo nel 15% dei casi si ha un intervento diretto delle persone presenti. La rianimazione cardio-polmonare unita all’uso di un DAE nei primi minuti seguenti all’arresto cardiocircolatorio aumenta le probabilità di sopravvivenza del 60% e in particolare l’utilizzo di un defibrillatore nei primi 5/6 minuti dopo l’arresto cardiaco  può evitare, oltre la morte, danni irreversibili al cervello. Da queste evidenze nasce la mozione che ho presentato in Consiglio Regionale per chiedere la mappatura completa dei luoghi in cui gli apparecchi DAE sono stati posizionati su tutto il territorio regionale e l’istituzione di un registro regionale del personale formato all’uso del defibrillatore, in modo da renderlo immediatamente reperibile in caso di emergenza nelle vicinanze di ciascun apparecchio. Con le nuove tecnologie a disposizione di ciascuno di noi, si tratta di un piccolo investimento e di una grande risorsa.
 

A tutela dei lavoratori


 In ambito di tutela dei lavoratori questi sono stati, per la Regione Piemonte, mesi di grande impegno. Due le questioni di cui mi sono occupato in prima persona attraverso la presentazione di un ordine del giorno e di una interrogazione a risposta immediata in sede di Consiglio. Attraverso l’ordine del giorno ho richiesto, insieme ad alcuni colleghi, la rigida interpretazione della clausola di salvaguardia a favore dei lavoratori della Reggia di Venaria nella transizione verso la nuova gestione dei servizi interni e collegati alla Reggia. Questo allo scopo di garantire il riassorbimento del massimo numero di lavoratori con soluzione di continuità, con il medesimo contratto (tempo indeterminato), senza periodo di prova e con il mantenimento dell’anzianità di servizio maturata. Ora il bando è aggiudicato: pare garantito il riassorbimento dei lavoratori ma c’è ancora molto da fare per limitare il taglio orario sui singoli rapporti e per questo la sesta commissione continuerà ad occuparsene.
Ci siamo occupati anche di un’altra categoria ancora poco considerata: i giovani medici. Le guardie interdivisionali hanno la funzione di coprire i turni di guardia notturni e da quest’anno potranno essere selezionate anche fra medici esterni alle strutture ospedaliere di Molinette, CTO, Sant’Anna e Regina Margherita. Quello che abbiamo richiesto è di garantire loro una retribuzione dignitosa ed adeguata considerando la grande importanza del loro compito.

 

Amministrative 2016
Dal vento populista internazionale alla crisi economica, dal peso delle questioni nazionali al confronto con un candidato di rinnovamento e rottura. Abbiamo perso per tante ragioni, ma dobbiamo guardare con spirito di autocritica anche a quello che abbiamo fatto e ai nostri metodi. Pare un’ovvietà, ma è stato necessario ribadirla.

Bandi Cultura 2016
Seguite sempre sul sito i bandi regionali, ora sono usciti quelli sulla cultura.

Zona Burocrazia Zero
Il D.l. n. 5 del 9 febbraio 2012, ha istituito la possibilità per enti locali, associazioni di categoria, Camere di Commercio e altri soggetti interessati, di stipulare convenzioni, su proposta dei Ministri per la Pubblica Amministrazione e per lo Sviluppo Economico, per attivare percorsi sperimentali di semplificazione amministrativa che possano accompagnare e attrarre investimenti economici sul territorio.
Un’opportunità che sin dalla redazione del programma di governo della giunta Chiamparino ho sostenuto potesse essere una risposta alle esigenze del Canavese, in primis perché sostenuta e caldeggiata dalle amministrazioni locali e dall’associazionismo datoriale e dei lavoratori. 
Il 13 giugno, dopo un lungo ping pong tra Regione e Ministeri, la Regione ha finalmente approvato la DGR per la formalizzazione della convenzione ex art. 12 d.l.5/2012 e ora non resta che la sottoscrizione della convenzione da parte degli attori coinvolti, che sarà organizzata a breve dai ministeri competenti. Chi la dura la vince.
Puoi seguirmi su www.danielevalle.it e su Twitter e Facebook      Scrivimi a:  d.valle@fastwebnet.it  

unsubscribe from this list    update subscription preferences 

Email Marketing Powered by Mailchimp