Copy
Leggi la newsletter di maggio 2016!

Gli esami del sangue?
In parafarmacia!


Il 10 maggio il Consiglio Regionale ha approvato una legge, proposta da Nino Boeti e da me, che estende alle cosiddette Parafarmacie la possibilità di effettuare le autoanalisi del sangue più richieste (Glicemia, Colesterolo e Trigliceridi). Si tratta di un settore importante, che dal decreto Bersani in poi è cresciuto fino a contare oltre 400 attività in Piemonte.
Ed è un modo concreto di aumentare l’accesso della cittadinanza a strumenti di prevenzione e controllo della salute, offrendo una vera opportunità di crescita a un comparto economico interessante.
Toccherà alla Giunta stabilire le modalità applicative perché questi esercizi possano offrire questa possibilità ai loro clienti.

Amministrative 2016


Il 5 giugno si vota per il rinnovo del Sindaco, del Consiglio Comunale e dei Consigli delle Circoscrizioni. Avremo quindi due schede, un azzurra per il Comune e una verde per la Circoscrizione. A fianco al simbolo che sceglieremo (ovvio, vi invito a tracciare la croce sul PD) potremo scrivere due preferenze, purché una maschile e l’altra femminile. Per il Consiglio Comunale io scriverò Maseri e Tufaro. Per le Circoscrizioni, a seconda di dove risiedi, ecco alcuni consigli non richiesti, ma spero interessanti  

Si vota anche a Cambiano, Ciriè, Volpiano e Pianezza.

Perché insistere con il PD? Perché io credo che Torino, nonostante la crisi, non si sia fatta piegare, e abbia continuato a investire e trasformarsi, garantendo i servizi fondamentali. Il ciclo di trasformazioni che in vent’anni ha rinnovato la Città è frutto sì della capacità di chi ha amministrato, ma anche della continuità e della stabilità che gli elettori hanno garantito. Oggi siamo nelle condizioni di raccogliere i frutti dell’impegno di questi anni e di rilanciare una nuova fase di crescita e lavoro. Se qualcosa non ha funzionato sempre a dovere, non mi ha convinto ad abbandonare la nave, ma anzi è uno sprone ad un maggiore impegno. E sono sempre di più convinto che populismo, qualunquismo e antipolitica siano i peggiori nemici per il futuro della nostra società.


Sviluppo della banda ultralarga in Piemonte


Che sia prioritario ed urgente sviluppare una infrastruttura di rete in banda ultralarga e garantirne l’accesso al maggior numero di cittadini è chiaro ormai a tutti. La banda larga è occasione di crescita economica e sociale di un territorio ed è un servizio da garantire in maniera uniforme sul territorio. La Giunta ha illustrato il Piano di sviluppo della banda ultralarga con l’obiettivo di una copertura totale; per l’Agenda Digitale Europea entro il 2020  va garantito l’accesso ad una connessione pari o superiore a 30 Mbps per la totalità della popolazione europea e almeno il 50% delle famiglie con connessioni Internet di oltre 100 Mbps. 
Il Piemonte per consentire la realizzazione della banda ultralarga sulla totalità delle aree bianche – ovvero quelle a fallimento di mercato, in cui è necessario l’intervento pubblico per garantire la copertura del servizio – ha programmato la spesa di circa 284 milioni di euro, di cui 90 milioni da fondi regionali (FESR e FEASR) e i restanti 194 da fondi nazionali (FSC); a questi se ne aggiungeranno poi almeno 200 di investimenti privati. Tuttavia il posizionamento della fibra non risolve i problemi, quando gli operatori di mercato non trovano comunque conveniente intervenire sull’infrastruttura realizzata con offerte commerciali. Questo è un problema già vivo in alcune nostre vallate e per il quale ho sollecitato la Giunta con un’interrogazione costruita con alcuni Comuni delle aree più periferiche della nostra Regione.

 
Puoi seguirmi su www.danielevalle.it e su Twitter e Facebook      Scrivimi a:  d.valle@fastwebnet.it  

unsubscribe from this list    update subscription preferences 

Email Marketing Powered by Mailchimp