Copy
Le ultime notizie di Valori.it Leggi nel browser
«Ho qui in mano una lista di 205... un elenco di nomi che sono stati resi noti al Segretario di Stato come membri del Partito Comunista e che tuttavia stanno ancora lavorando e definendo la politica nel Dipartimento di Stato». Il 9 febbraio 1950 a Wheeling, in West Virginia, il senatore Joseph McCarthy pronunciava un discorso che diede il via a una durissima campagna centrata sulla denuncia di "tradimenti" e l'accusa indiscriminata di filocomunismo, particolarmente efficace nel clima teso della guerra fredda. È l'inizio della caccia alle streghe: l'epoca del maccartismo.

Ed ecco la nostra raccolta settimanale di notizie che non abbiamo trattato su Valori.it, né sulle nostre piattaforme social. Una breve rassegna stampa curata per te dalla nostra redazione.

Se vuoi contribuire, segnalandoci contenuti, news, tweet, post instagram, immagini o altro, scrivici a rassegnastampa@valori.it.

Letti per te

Il sospiro di sollievo delle società di gestione risparmio. Alcune, almeno. Per le quali l'inclusione del gas e del nucleare nella tassonomia delle attività economiche considerati sostenibili è in realtà una buona notizia. Del resto, secondo l'azienda di consulenza Indefi solo il 2% del fatturato delle aziende Euro Stoxx 50 è allineato alla prima versione della tassonomia. E tale indice è utilizzato dagli istituti finanziari come riferimento per un'ampia gamma di prodotti di investimento: dagli ETF ai futures. E se l'Institutional Investors Group on Climate Change (IIGCC) si è ufficialmente schierato contro il gas nella tassonomia, c'è già chi ha presto le distanze: «È un'iniziativa indipendente che non è vincolante per noi», ha messo le mani avanti Elodie Laugel, responsabile investimenti responsabili di Amundi.

La concorrenza alle banche arriva dai fondi. È la tendenza che emerge. Grandi colossi del private equity come Blackstone offrono servizi aggiuntivi, come la consulenza sulla riduzione dei costi rivolta alle aziende e la copertura sanitaria per i dipendenti. Questo basta per competere seriamente con i “classici” finanziamenti bancari concessi dalle banche.

Intanto BNP Paribas sfiora i 10 miliardi di euro di utili nel 2021. Una crescita del 34,3% in un anno (ovvero 2,4 miliardi di euro) per la prima banca dell'Eurozona per asset e capitalizzazione di mercato.

E negli Stati Uniti aumentano i compensi. Per i manager delle grandi banche, ovviamente. 135 milioni di dollari intascati in tutto nel 2021. Per esempio, David Solomon, amministratore delegato di Goldman Sachs, ha visto raddoppiare la propria remunerazione. Brian Moynihan di Bank of America ha incassato un aumento del 31%, arrivando a 32 milioni di dollari. Una fortuna per lui che, poverino, nel 2020 aveva avuto una riduzione dello stipendio e dei bonus del 7,5%.

9.200 uscite volontarie. "Compensate", si fa per dire, da 4.600 assunzioni. È quello che si aspetta Intesa Sanpaolo entro il 2025 mentre dichiara che il 2021 è stato l'anno migliore per l'istituto dal 2007 con un utile netto cresciuto del 27,7% a 4,18 miliardi di euro grazie a un significativo aumento delle commissioni. Intanto il colosso bancario annuncia una generosa politica dei dividendi per gli azionisti, guai a scontentarli.

Infine un manifesto per la libertà dell'arte e del pensiero digitali. È una lettura un po' lunga, ma merita attenzione se il mondo degli NFT ti interessa e se vuoi sentire il parere di un artista digitale. (Se invece sei un passo indietro e ancora devi capire cosa sono gli NFT, qui trovi tutto quello che ti serve)

Scritti per te

Giustizia sociale, clima, diritti: il Cile riscrive la Costituzione. E potrebbe indicarci la via

Dalla crisi climatica alle risorse naturali, fino all'equità: la nuova Costituzione del Cile potrebbe rappresentare un esempio per il mondo

La crisi del calcio sarà in diretta tv, a meno di problemi tecnici

La crisi del calcio italiano, nata con il tubo catodico e la bolla speculativa dei diritti tv, rischia di esplodere con le app multimediali

Hacker, dati trafugati e 80 milioni di dollari. L’inchiesta che scuote Wall Street

Tra il 2018 e il 2020 cinque hacker russi avrebbero rubato informazioni su società quotate per trarne profitto speculando a Wall Street

Maastricht, 30 anni dopo il più bel regalo che possiamo fare all’Europa è riformarla

30 anni fa fu approvato il Trattato di Maastricht. La città evoca però anche i parametri che ancora occorre rispettare, malgrado i loro limiti

La prossima storia

Vorremmo ci dicessi quale di queste storie vorresti leggere su Valori nelle prossime settimane.

- Gli impegni climatici delle grandi multinazionali. Ikea, Amazon, Google e le altre si dichiarano tutte impegnate a ridurre le emissioni legate alle proprie attività. E come sta andando, nei fatti?

- Il Guardian ha inventato un nome: FinTok. È la tendenza sempre più diffusa a dare (e ricevere) consigli finanziari su TikTok. Quali i rischi? E cosa ne è dell'educazione finanziaria?

VOTA!
Multinazionali e clima
FinTok

Sostieni Valori!

Dalla parte dell'etica, del clima, dei diritti
e dell'uguaglianza. Come te. Sostienici!
 
Facebook
Twitter
Instagram
LinkedIn
Valori.it
Copyright © 2022 Fondazione Finanza Etica
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.


Fondazione Finanza Etica
Viale Amendola, 10
Firenze, FI 50122
Italy

Add us to your address book


Ricevi questa email perché sei iscrittə alla newsletter di Valori.
Ti ricordiamo che puoi aggiornare le tue preferenze o annullare la tua iscrizione in qualsiasi momento.